www.ana-briongos.net

| Ir a la página principal | Ir a mi blog: pasionviajera |

La cueva de Alí Babá
Irán día a día

Comprar en papel - Comprar e-Book  

Disponible en català en paper El meu Iran (Altaïr) o El meu Iran (Amazon)

 

 

Nueva edición ampliada de Laertes Editores, 2014. Ana Mª Briongos en la primavera de 2001 decidió viajar a Irán e instalarse durante un tiempo en una tienda de alfombras del bazar de Isfahan para vivir de cerca el día a día de un país en lenta ebullición, que está encaminándose hacia el futuro sin perder la esencia de sus tradiciones. Buena conocedora del país donde llegó por primera vez en 1968, la autora vuelve a tomar el pulso a Irán viviendo entre las familias bazaríes más tradicionales.

Cómodamente sentada entre exquisitas piezas de lana y seda, Ana supo apreciar los detalles insólitos de la vida cotidiana de un pueblo que crece a su manera, mezclando de una forma muy peculiar la tecnología más avanzada con la herencia de un pasado que impide a las mujeres enseñar los tobillos y quitarse el pañuelo en público. La curiosidad de la autora y su criterio a la hora de hacer buenas preguntas le permitieron entrar en la intimidad de las casas iraníes, saborear unos platos donde los granos de arroz cortejan las especias más refinadas, y sorprenderse ante las costumbres que regulan la higiene personal.

El Irán del reformista presidente Jatamí, visto desde una tienda de alfombras del bazar de Isfahan. Esta tienda es la cueva de las maravillas, la que esconde todos los tesoros y donde ocurren cosas insólitas. Desde ella la autora ha tomado día a día el pulso a Irán, un país en ebullición: Los jóvenes, las familias, las feministas islámicas, los nómadas bajtiarís, los iraníes en California, los raperos persas, las fundaciones paraestatales, los entresijos del bazar, y mucho más. Más allá del tópico y más acá de los prejuicios.

Nota de la autora: Lamento profundamente el error cometido en la 1ª edición en castellano por la editorial al nombrar incorrectamente el Golfo Pérsico en el único mapa del libro, en la 2ª edición y posteriores, se ha corregido.

Las dos primeras ediciones de bolsillo en holandés, de 4 mil y 10 mil ejemplares, se agotaron, y salió la 3ª edición con una tirada de 8 mil ejemplares. Dos ediciones en castellano por Editorial Lumen y una nueva edicion ampliada a cargo de Laertes en 2014. También se ha publicado en portugués, italiano, polaco y catalán.



La caverna di Alì Babà. L’Iran giorno per giorno   (Comentario a la edición italiana por Sara Fiorillo)

Attivista agguerrita ai tempi dell’Università e viaggiatrice impavida tra i sessantottini partiti alla volta dell’India. Innamorata degli afghani. Caparbia quando vinse a Teheran, lei laureata in fisica, una borsa di studio in lingua e letteratura persiana. Curiosa quando, nel 1994, partì per guardare da vicino gli esiti della rivoluzione, e scrisse Negro sobre negro. Irán: Cuadernos de viaje. Inesauribilmente entusiasta se nel 2001 visse per qualche mese a Isfahan, ospite di vecchi conoscenti, lavorando in un negozio di tappeti e condividendo le giornate con commercianti e clienti, lei unica donna privilegiata perché straniera e perché di passaggio.

Sarà proprio questo negozio la finestra spalancata sull’Iran di oggi in La caverna di Alì Babà. L’Iran giorno per giorno, l’ultimo libro di Ana M. Briongos scritto con l’intento di liberare il lettore dai pregiudizi dell’Occidente su un paese ‘in ebollizione’ e su una società lacerata da profonde contraddizioni fra l’antica civilizzazione, l’Islam e il modello occidentale, fra il progresso e il tradizionalismo, fra la legalità e la corruzione, fra la libertà e la censura. Una realtà complessa che l’autrice, senza giudizi né denunce, indaga con il suo sguardo acuto e ironico. E il suo atteggiamento è suave, ed è affettuoso, perché Ana riduce al minimo ogni distanza, e niente impedisce al lettore di percepire, nella scrittura stessa, il calore di questa intensa partecipazione.

La caverna di Alì Babà, quindi, non è solo uno scrigno di preziosi tappeti, il cui immenso valore è dato dal lavoro di donne e bambini, dalla genialità del disegno, dall’uso e dall’assoluta unicità di ciascuno. La caverna di Alì Babà è anche un libro, semplice ma ricco, che racconta l’abisso fra la pressione esercitata nel controllo della morale pubblica e la libertà di quella privata; che descrive spazi, abitudini e usanze: la casa tradizionale, l’hamam, le riunioni di lutto, le processioni dell’ashura, così simili a quelle della Semana Santa; che lascia trapelare la stanchezza per la dittatura, le speranze per una pacifica transizione democratica e le delusioni dei giovani che scoprono giorno per giorno il mondo tradizionale (quegli stessi giovani che anche qualche settimana fa, scontenti per la privatizzazione del sistema universitario, hanno protestato, con gli occhi rossi per i gas lacrimogeni, contro Khatami che in sette anni di potere non ha attuato una sola delle riforme promesse).

E tutto questo intrecciato alle storie di Anahita, la ‘prigioniera’ che “vive grazie alle fantasie letterarie che le permettono di volare oltre i limiti imposti dalla chiusa società di Isfahan”; di Behrus, il cantante costretto dallo scià a cambiare mestiere, e ormai consumato, con lo sguardo cupo e triste, perché “vent’anni senza l’entusiasmo e gli applausi dei suoi ammiratori gli hanno impedito di essere felice”; dell’anziana signora che disegna in un’alfombra una coloratissima ballerina andalusa, copiandola da una vecchia cartolina:

“l’aveva conservata gelosamente fino a che non aveva smesso di lavorare, e ora, nell’ultimo periodo della sua vita, finalmente libera dagli impegni quotidiani, si era dedicata completamente al compito di riprodurre la sua immagine”.
E di altri straordinari personaggi che si affacciano nel libro a mostrare che le vere protagoniste sono le relazioni umane, che “i cammini del mondo sono una scuola dove si tempra lo spirito e si affina la tolleranza e la solidarietà. Dove si impara a dare e a ricevere, a tenere aperte le porte della casa e dello spirito, e soprattutto a condividere”:

“ (…) quando mi ascolto mentre spiego loro chi sono, da dove vengo e perché desidero conoscerli, sento che sto vivendo un momento straordinario, unico, un momento in cui ciò che conta è soltanto raccontare ciascuno la propria realtà, storie sconosciute e umili, umane però nel senso più profondo del termine”.
Perché quando è un’esperienza profonda e non un’escursione turistica, viaggiare significa prima di tutto avvicinarsi a vite diverse dalle nostre, ascoltarle, conoscerle:
“ (…) In momenti come questo mi rendo conto che a portarmi in paesi lontani non è solo la curiosità antropologica, ma anche il bisogno di attingere il sapere delle persone che li abitano, capire ciò che esse sanno e sentono, condividere le ricchezze che il mondo ci elargisce, offrire e ricevere. Soltanto la conoscenza ci dà modo di estendere il nostro amore oltre i confini del noto e per conoscere è necessario saper ascoltare”.

 

ecoestadistica.com